Categoria: News

15ENNE FERITA AL VOLTO DA UN COLPO DI PISTOLA MENTRE ANDAVA A SCUOLA

Ischitella, provincia di foggia, Un uomo ha sparato ad una 15enne mentre andava a scuola, la ragazzina si trova in gravi condizioni.


È accaduto proprio questa mattina, una ragazzina di 15 anni è stata colpito al volto da un colpo di pistola a bruciapelo, mentre si dirigeva verso la propria scuola. L’uomo che ha sparato è subito scappato facendo perdere le sue tracce.

La ragazza si trova adesso in condizioni critiche, i medici hanno optato per il coma farmacologico mentre la sottopongono ad un delicato intervento chirurgico.

I carabinieri adesso indagano, tra le ipotesi che l’agguato sia collegato alla famiglia della ragazza, e si presume che il colpevole possa essere l’ex compagno della madre.




DOTTORESSA VIOLENTATA A CATANIA: LE FOTO DELL’AGGRESSORE

 Alfio Cardillo, l’aggressore della Dottoressa violentata a Catania, era stato già denunciato per maltrattamenti.

dottoressa violentata

Alfio Cardillo è un uomo di 26 anni, lavora come operaio ed è originario di Santa Venerina. Nella notte tra lunedì e martedì si è recato nell’ambulatorio di Trecastagni facendo credere di aver bisogno di cure mediche. Non appena entrato in studio, l’uomo ha staccato il telefono e rotto il pulsante d’emergenza, in questo modo la dottoressa non poteva chiamare soccorso, l’uomo ha poi stuprato ripetutamente la donna per 2-3 ore. Solo dopo molto tempo la donna è riuscita a chiamare aiuto.


Questa violenza poteva essere evitata?

Molti segnali avrebbero dovuto far sorvegliare i movimenti di Alfio dato che era già stato segnalato per molestie.

Adesso però nasce una polemica, in quanto molto spesso quando lo stupratore è un uomo Italiano, si tende ad essere più cauti, quando invece è di provenienza straniera si tende a sparare a zero. Le voci al riguardo sono molto contrastanti, a partire dal concetto di stupro.

Quello che dovrebbe essere chiaro, invece, è che non conta chi abbia commesso lo stupro, ma che la vittima ha sofferto e soffrirà sempre alla stessa maniera.




FARE SESSO CON LA MOGLIE DEFUNTA È LECITO PER L’ISLAM

“Imam incitava i suoi seguaci ad avere rapporti sessuali con le mogli morte”

“Fare sesso con la moglie defunta? Per l’Islam è lecito”, a dichiararlo durante una diretta tv, è stato un docente dell’università di al Azhar. L’editto religioso che ammette il “coito d’addio”, è così che viene chiamato, con la consorte morta ha provocato molte lamentele.


Il professore di Giurisprudenza, ha infatti dichiarato che per quanto insolito sia, è pur sempre lecito.
Alla domanda del giornalista se fare l’amore con una morte non sia da considerare “la profanazione di un cadavere”, il docente di Giurisprudenza islamica non ha dubbi e spiega che “il marito che fa questo, non compie un atto illecito e quindi non può essere condannato per adulterio”.
Il direttore del Consiglio, Makram Mohammed Ahmed, ha dichiarato che la fatwa emessa dal Professore Raouf rappresenta un grave insulto all’islam, in quanto ignora l’etica e la morale dei musulmani.

ACQUA MINERALE CON BATTERIO KILLER – SCATTA IL RITIRO: L’ANNUNCIO DEL MINISTERO DELLA SALUTE

Sono stati richiamati otto lotti di acqua minerale EFFERVESCENTe per la possibile presenza di Pseudomonas Aeruginosa


Il Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di otto lotti di acqua minerale prodotta da Fonte Cutolo Rionero in Vulture per la possibile presenza di Pseudomonas aeruginosa.

Le bottiglie richiamate sono commercializzate con i marchi Cutolo Rionero effervescente naturale e Eurospin Blues effervescente naturale.

Ad essere interessati dal richiamo sono le bottiglie da 1,5 PET/X6 Bottiglie e 1L PET/X12 Bottiglie. Nello specifico si tratta dei lotti LR7248C; LR7249C; LR7250C; LR7251C; LR7252C; LR7253C; LR7254C e LR7255C con data di scadenza rispettivamente del 05-09-2018; 06-09-2018; 07-09-2018; 08-09-2018; 09-09-2018; 10-09-2018; 11-09-2018; 12-09-2018 in unità di 1,5 PET/X6 Bottiglie e 1L PET/X12 Bottiglie.

 Ma cosa determina questo batterio? 
La presenza di Pseudomonas aeruginosa può comportare vari rischi: Infezione delle vie urinarie, dei polmoni o dell’occhio. Si conosce ben poco di questa sindrome, ma nonostante questo è la decima causa di morte negli USA.

Condividi questo articolo per diffondere la notizia!




ABUSA SESSUALMENTE DELLA FIGLIASTRA PER SEI MESI POI LA SGOZZA SULLA SPIAGGIA

Sgozza la figliastra dopo una passeggiata per insabbiare i suoi abusi.

Los Angeles, Jacinto Trajillo è il patrigno di Xiomara di nove anni, durante una passeggiata in spiaggia mano nella mano, la sgozza con una lama da rasoio.


Dalle prime indagini si credeva che la bambina fosse stata testimone di un omicidio e per questo uccisa, in realtà dopo ulteriori indagini, è emerso che l’uomo ha ucciso la bambina per nascondere gli abusi sessuali.

Questa storia risale al 27 aprile 2012, giorno della morte di Xiomara. Ad avere i primi sospetti, è stata la madre. Iniziò a pensare che l’uomo avesse fatto qualcosa di brutto alla figlia.
Dopo accurate indagini, la polizia di Los Angeles ha scoperto che l’uomo ha abusato della bambina per circa sei mesi. Il processo è durato più di 5 anni, e si è finalmente concluso. L’uomo che adesso ha 41 anni, è stato condannato al carcere a vita per omicidio di 1° grado.




MULTE: ARRIVA LA NOVITÀ RIVOLUZIONARIA

Entro il 2019 arriverà la rivoluzione sulle multe: verranno inviate via mail

Ogni utente sarà contraddistinto da un domicilio digitale dove saranno inviate multe, cartelle esattoriale e documenti

Entro il 2019, multe e ogni tipo di comunicazione avente valore legale, sarà recapitata via email. Questa misura è una delle norme inserite nel decreto legislativo correttivo del Codice dell’Amministrazione Digitale, in conformità della riforma Madia.


Ogni persona, per aderire al provvedimento dovrà indicare il proprio “domicilio digitale”.
I vantaggi:
Non dovendo più sostenere spese postali legate all’invio dei documenti, si avrà un risparmio di 250 milioni di euro l’anno.
Come ottenere il “DOMICILIO DIGITALE”:
Ogni utente dovrà essere in possesso di una PEC (posta elettronica certificata), chiunque ne fosse già in possesso, potrà utilizzare la stessa.
In questa maniera sarà semplice consultare ogni momento l’elenco dei propri documenti, cartelle esattoriali o multe.

PAURA A PARIGI : EVACUATO UN AEREO

Attimi di terrore in Francia dove un aereo è stato evacuato per ‘questioni di sicurezza’ non ancora chiare.

evacuato aereo parigi

Dopo l’attentato a Londra sul vagone della metropolitana, l’allerta terrorismo si focalizza in Francia, dove questa mattina è stato evacuato un aereo della British Airways nell’aeroporto Charles De Gaulle.


Secondo le testimonianze, l’evacuazione è avvenuta per questioni di sicurezza non ben specificate, non è chiaro se sia stato trovato un ordigno o è stata solo una misura precauzionale. La polizia ha perquisito uno ad uno ogni singolo passeggero dell’aereo, la compagnia ha dichiarato: “La sicurezza dei nostri clienti è sempre la nostra priorità”, e ha aggiunto, “controlli di sicurezza supplementari sono in corso come misura precauzionale”.

Resta ancora da capire cosa abbia fatto scattare l’allerta, perché i passeggeri sono stati prima fatti imbarcare e poi fatti scendere dal velivolo per essere tutti perquisiti.

 

14ENNE SCOMPARSA: SEI GIORNI CHE NON SI HANNO PIÙ SUE NOTIZIE

Sono già trascorsi sei giorni da quando Andrea Sophia, di 14 anni si è allontanata di casa senza lasciare alcuna traccia.

Andrea Sophia Lugani, ha solo 14 anni, è originaria di Crevacuore provincia di Biella. La ragazzina ha fatto perdere le sue tracce lunedì 11 settembre, ha spento il cellulare e non ha più effettuato l’accesso sui social.


La famiglia è stata colpita dalla frustrazione, rimane sempre viva la speranza.
Andrea si è allontanata alle 15 di Lunedì, probabilmente in compagnia del suo fidanzato. Al momento della scomparsa la ragazza, indossava un leggings nero, una maglietta a maniche corte nera con una scritta e un giubbotto in ecopelle nero. La ragazza è alta 1,58 m, ha i capelli castano scuro di media lunghezza ed occhi neri, inoltre ha un segno particolare: un dilatatore all’orecchio sinistro.
Prima di lasciare la casa ha portato con sé una coperta, un copripiumone e la sua carta d’identità.
Nel frattempo sui social si cerca di far girare il più possibile la foto della piccola Sophia, chiunque avesse sue notizie è pregato di contattare il 112.




OMICIDIO NOEMI: IL FIDANZATO DICHIARA: “SE MI AMMAZZAVO IO ERA MEGLIO, AVREI EVITATO QUESTO CASINO

Noemi

 

L’assassino di Noemi si trova in stato confusionale, alterna momenti di depressione ad altri di agitazione.

Solo adesso a quanto pare, comincia a rendersi conto di ciò che ha fatto e dice:

“Ho sbagliato, potevo uccidermi io e avrei evitato questo casino”, non sarebbe stata la giusta soluzione, nessuno sarebbe dovuto morire.”

Il 17enne si trova adesso in una struttura protetta in cui è rinchiuso, si attende la convalida del fermo da parte del giudice.


Intanto il padre del ragazzo racconta il momento in cui il figlio ha confessato l’omicidio: “Non sapevo nulla e mai avrei aiutato mio figlio a commettere un simile gesto. Lucio mi ha detto dell’omicidio la sera prima del ritrovamento del corpo di Noemi e mi ha comunicato anche la sua decisione di volersi costituire ai carabinieri. Io gli ho risposto: ‘Se hai le palle ci devi andare da solo’”.

 

Noemi

La famiglia di Noemi aveva in precedenza denunciato alla Polizia la violenza del giovane, tuttavia però, anche la famiglia del ragazzo aveva denunciato la ragazza per atti persecutori.

La mamma denunciava il ragazzo per lesioni nei confronti della figlia, con allegato un referto medico di 2-3 giorni di prognosi per un colpo al volto.

Quello che ci si chiede è: Questa tragedia, poteva essere evitata?




ESPLOSIONE A LONDRA: C’È UN UOMO ARMATO IN FUGA

Poche ore fa un esplosione ha colpito la metropolitana di Londra, ci sarebbe un sospettato.

Poche ore fa c’è stata  un’esplosione in vagone della metro Parson Green di Londra, il sospettato sarebbe un uomo armato ancora in fuga. Subito dopo la prima esplosione, è stato trovato un secondo ordigno. Tantissimi i feriti: “Era come una palla di fuoco”, il sindaco della città parla di attacco terroristico.

La polizia, ritiene che l’ordigno sia artigianale e che probabilmente sia esploso prima del previsto. Adesso si cerca di capire da chi è stata fatta esplodere e se fosse controllata a distanza.


La metro di Londra è molto sorvegliata da telecamere di sicurezza, adesso si spera di trovare il responsabile tramite questi filmati di sicurezza.

I cittadini londinesi, non hanno fatto attendere il loro ‘calore’ per i propri connazionali feriti, hanno quindi offerto a tutte le persone un tè in segno di solidarietà.