Categoria: Animali

PERCHÉ LE ZANZARE PUNGONO SOLO TE? ECCO 7 MOTIVI PER CUI VIENI PRESO DI MIRA PIÙ DI ALTRI

Non si tratta della vostra immaginazione quando tra tante persone che ti circondano, sei proprio tu quello assalito dalle zanzare, piuttosto vi è una spiegazione a tutto questo.

Le zanzare non scelgono bersagli a caso, vi sono almeno sette spiegazioni possibili alla dinamica della loro puntura.

1- Anidride carbonica: le zanzare riescono a rilevare l’anidride carbonica a 164 metri di distanza; le persone in stato di gravidanza o in sovrappeso ad esempio ne emettono di più e vengono punte più facilmente;

2- Temperatura corporea: un’elevata temperatura corporea, favorisce il rischio di essere punti, per questo durante l’attività fisica, diventiamo una calamita per zanzare.

3- Gruppo sanguigno: secondo uno studio, le persone con gruppo sanguigno ‘0’, sono più a rischio di quelle di gruppo A (questo dato va considerato con cautela, perchè questo studio ha utilizzato un piccolo numero di casi).

 


4- Sempre lo stesso studio ha evidenziato che solo alcune persone emettono le sostanze che permettono alle zanzare di riconoscerne il gruppo sanguigno, e quindi di sceglierle;

5- La composizione della flora di microbi che abita la nostra pelle è un parametro secondo cui le zanzare scelgono il loro obiettivo;

6- Acido lattico: questa sostanza risulta particolarmente attraente per questi insetti, perciò un corpo sottoposto ad attività fisica finisce per attrarli molto di più;

7- Birra e alcolici: a quanto pare, ingerire alcol ci rende particolarmente attraenti per molti tipi di insetti, anche se nessuno ha ancora capito perché!




IL LEONE VA VERSO I CANI, ACCADE QUELLO CHE ORMAI È DIVENTATO VIRALE SUL WEB

Nel mondo animale come tutti ben sappiamo, vi sono rigide gerarchie, questo comporta che alcune specie d’animali, non vadano d’accordo con altre.

Quello che è accaduto a Wynnewood, nel Oklahoma, ha però qualcosa di diverso, infatti è accaduto qualcosa che nessuno di noi potrebbe mai aspettarsi.

La riserva che ospita i protagonisti di questa assurda vicenda, è stata fondata nel 1997, ed ospita 1400 animali appartenenti a 120 specie differenti.

Le specie sono molto differenti, dal leone, fino ad animali meno esotici come il bassotto.


Il bassotto Abby e il leone Bonedigger sono infatti migliori amici.

Secondo l’amministratore delegato della riserva, John Reikene, l’amicizia amorosa di questa strana coppia è molto diversa ed è qualcosa che non ha mai sperimentato:

– Posso dire di non aver mai visto niente di simile come la loro amicizia. Vanno completamente d’amore e d’accordo.

Secondo un dipendente, i due animali hanno una lunga storia insieme, in questo sono stati introdotti nel rifugio quando entrambi avevano poche settimane di vita.Ma secondo un altro dipendente, questo è perché i due animali hanno una lunga storia insieme da quando sono stati introdotti nel rifugio, in quanto entrambi avevano solo poche settimane di vita. Il leone Bonedigger è amico anche di altri cani della riserva, ma è niente in confronto alla sua amicizia con Abby.

Il video dei due amici inseparabili, è diventato virale sul web, ed è stato visualizzato più di 5 milioni di volte. Nel video di seguito, potrete ammirare questa splendida quanto inusuale amicizia.

 

CONDIVIDI anche tu, questa fantastica amicizia!




LA CUCCIOLA MARA VIENE SMARRITA – MASSACRATA DAL VICINO A FUCILATE

uNA PICCOLA CAGNETTA DI NOME MARA, è STATA SMARRITA, IL VICINO IMBRACCIA IL FUCILE E LE SPARA.
fucilate
È accaduto qualche giorno fa a Cavarzere, provincia di Venezia. Una cucciola di cane, di 15 mesi, era in attesa di essere adottata. Nel giorno di venerdì, la piccola Mara si è allontanata uscendo da un buco nella rete insieme ad un altro cane.
Dopo circa 36 ore di ricerche, grazie all’aiuto del Centro Cinofilo Gli Angeli di Cavarzere, specializzati nel ritrovamento di dispersi anche sotto le macerie,  Mara viene trovata sotto una siepe di Località Grignella, con una zampa ferita ed il petto crivellato da diverse decine di pallini sparati da un fucile da caccia”.


Il cane, secondo la ricostruzione, avrebbe percorso la strada che compie ogni giorno insieme ai volontari del canile, che porta da Cuora a Via Gignella, durante il percorso, si è però imbattuta nell’uomo che da un momento all’altro, ha deciso di imbracciare un fucile e spararle a distanza ravvicinata in direzione del petto.

Le condizioni di Mara sono davvero gravi, ha difficoltà a respirare, e presenta un versamento polmonare, la cucciola è ospite di una clinica veterinaria di Benvenuto di Polesella.

Sonia Paccagnella, presidente dell’associazione Città degli Angeli, ha commentato il gesto compiuto dall’uomo in questo modo:“Quest’uomo ha imbracciato un fucile e le ha sparato dritto in volto, sul petto. Un gesto ingiustificabile e un reato. Se domani questo “giustiziere” rivolgesse l’arma contro qualche famigliare? La violenza che ha dimostrato nell’infierire sulla povera Mara dimostra la sua pericolosità”.

La vicenda è stata denunciata ai Carabinieri, nel caso qualcuno avesse dettagli e volesse dare informazioni in merito, può farlo contattando il seguente numero 348 3138413 oppure mandando una mail direttamente all’ente.
Intanto si cerca di dare una mano aiutando le costose operazioni del cane, chiunque volesse dare il suo contributo, può farlo tramite il seguente IBAN IT68 S 02008 12203 000103661795 causale Salviamo Mara Associazione Città degli Angeli o anche tramite paypal con riferimento all’ente.




PARTE PER LE VACANZE, LASCIA IL CANE IN TERRAZZO – L’ANIMALE MUORE DI CALDO


È accaduto a Terni, il proprietario del cane lo ha lasciato in terrazzo ed è partito in vacanza. A trovare il cane, dopo svariate segnalazioni, sono stati gli agenti del Nucleo di Vigilanza Ambientale della Polizia Municipale. Gli agenti sono riusciti ad entrare nell’appartamento dopo aver contattato i familiari del proprietario, il povero animale è stato trovato già in stato di decomposizione, nel terrazzo vi erano solo due ciotole, entrambe vuote. La serranda del balcone era abbassata fino a pochi centimetri da terra, impedendo al cane di entrare in casa. Il corpo dell’animale, è stato trasportato presso l’istituto zooprofilattico per un esame autoptico. La proprietaria del cane sarà denunciata all’AG per uccisione di animali ai sensi dell’art. 544-bis c.p




ABBANDONANO IL CANE – LE LACRIME DEL PITBULL LE CAMBIANO LA VITA

iL CANILE CHE HA RICEVUTO QUESTO PITBULL, NON POTEVA IMMAGINARE LE EMOZIONI CHE AVREBBE SUSCITATO.

 

Una volta lasciato al canile, il pitubll ha ricevuto del cibo, il cane l’ha solo annusato, e non ha mangiato. L’unica cosa che faceva, era piangere dentro la sua gabbia.

La famiglia di Blue King, è questo il nome del cane, lo ha lasciato nel canile perché dovendosi trasferire in una nuova casa, non potevano portarlo con loro.Il cane è stato portato al canile Carson Shelter, di tipo “high-en-kill”, questo indica che il cane, se non fosse stato subito adottato, sarebbe stato abbattuto dopo poco tempo.


Un gruppo di volontari del luogo, è andato a trovare il cane, e ha deciso di aiutarlo, pubblicando un video che ritraeva il cane, e postandolo su Facebook. Dopo poco tempo, Jennifer Mckay, una ragazza del posto, è andata al canile per conoscere di persona il pitbull.Il cane, a differenza degli altri, non appena sono entrata, invece di scodinzolare, è rimasto in un angolo – ha raccontato Jennifer Mckay.

La ragazza decide così di adottare il cane. Già dopo poco tempo aver lasciato il canile, Blue, è diventato un cane diverso, affettuoso e tranquillo, ama le coccole e dormire vicino alla sua nuova padrona.

È davvero emozionante sapere che c’è gente pronta ad aiutare gli animali in difficoltà. Adesso Blue King ha una famiglia che lo ama e che non gli fa mancar nulla.

Se hai trovato interessante questo articolo, CONDIVIDILO!




TUTTI I PROPRIETARI DI ANIMALI DOVREBBERO LEGGERE QUESTO ARTICOLO! LE LORO ZAMPE SONO IN PERICOLO!

L’estate è arrivata, e proprio durante queste calde giornate, utilizziamo vari modi per proteggerci dai raggi solari e nocivi del sole. Molti di noi posseggono degli animali, e spesso nessuno pensa al fatto che anche i nostri amici a quattro zampe, sono particolarmente vulnerabili in questo caldo periodo.

Il loro pelo, li protegge in maniera naturale dal sole, e come probabilmente già sappiamo, dato che sudano molto, hanno bisogno di bere tanta acqua per rimanere idratati. Quello che a volte sottovalutiamo è che anche le loro zampe sono molto vulnerabili.


Una clinica veterinaria degli stati Uniti, ha pubblicato su Facebook la foto che mostra come un cane che dopo una passeggiata con il padrone, camminando sul caldo asfalto, si ritrovava con tutte le zampe bruciate.

La clinica nel testo della foto ha scritto il seguente avviso:

“Questo è quello che succede se si va a fare una passeggiata con il proprio cane su superfici che sono troppo calde! Quindi, le persone – quando si rendono conto che il marciapiede è troppo caldo per loro, devono capire che lo sarà molto di più per i loro animali!”

Questa clinica veterinaria, ha escogitato un metodo per capire se il nostro amico a quattro zampe può camminare o meno in quella superficie. La chiamano la regola dei 5 secondi:

“Regola dei 5 secondi: appoggiate il dorso della mano sulla strada. Se non vi riesce tenerlo premuto per cinque secondi, allora è troppo caldo per il vostro cane”.

Moltissima gente possiede degli animali, e tutti dovrebbero essere a conoscenza di questo fenomeno. Il nostro cane o gatto, non può comunicarci se sta soffrendo per il caldo, quindi dobbiamo essere noi ad aiutarli, pertanto possiamo utilizzare il consiglio della clinica veterinaria, in modo che il nostro cane non si bruci più durante le passeggiate!

Per farlo, potete condividere questo articolo, in modo che ogni padrone venga a conoscenza di questo diffuso fenomeno, in modo tale che le zampe dei nostri cari amici pelosi non si brucino!




LE 5 COSE DA POTER FARE, SE SI VEDE UN CANE IN AUTO SOTTO IL SOLE ROVENTE

ogNI ANNO, TANTISSIMI CANI MUOIONO A CAUSA DEL CALORE. mOLTI DI QUESTI, VENGONO LASCIATI IN AUTO SOTTO IL SOLE ROVENTE, NON SAPENDO CHE L’ANIMALE PUò RIPORTARE GRAVI DANNI CEREBRALI, O ADDIRITTURA MORIRE.

 

Nonostante apparentemente non ci sia caldo, se chiusi in uno spazio ristretto, la temperatura può salire vertiginosamente. Infatti, se all’esterno abbiamo 22°C, in uno spazio ristretto come l’auto, la temperatura può raggiungere i 47°C in un’ora.

Questo, può essere fatale per un cane, quindi non vanno mai lasciati da soli in macchina, di seguito, vi elenchiamo i sintomi di un colpo di calore:

– Mal di testa

– Bocca e lingua rosse

– Battito cardiaco accelerato

– Pessima cordinazione

– Debolezza, tremori

– Crampi, vomito

Se non si interviene in tempo, il cane può avere un collasso, entrare in coma o addirittura morire.

Cosa possiamo fare se vediamo un cane in auto da solo?

1. Raccogli informazioni

dogcar1

Scattare una foto all’auto, annotando modello e targa.

2. Attira l’attenzione della gente.

dogcar2

Se vi trovate in un parcheggio di un supermercato, chiedere al personale, ricordando sempre che bastano pochi minuti per recare un danno cerebrale al cane.

 

3. Tieni d’occhio il cane

dogcar3


Aspetta che il padrone ritorni, non allontanarsi per nessun motivo dal cane.

4. Educa

dogcar4

 

Non appena arriva il proprietario, ricordargli quanto è pericoloso lasciare il cane sotto il sole, ed elencare i gravi danni che avrebbe potuto causare.

5. Chiama aiuto

dogcar5

Se il proprietario dell’auto, non dovesse arrivare, avvertire la polizia, e se la situazione dovesse peggiorare, chiamare i Vigili del Fuoco o il 1515 (Emergenza ambientale).

Tutto questo, servirà a salvare la vita all’animale, quindi fare sempre tutto il possibile!

Per dimostrare quanto sia rischioso lasciare gli animali chiusi in auto, un giocatore di Football, Tyrann Mathieus, si è offerto per una dimostrazione, ecco il video:




BIMBA DI DUE ANNI MUORE DOPO AVER GIOCATO ALL’ARIA APERTA, ADESSO LA FAMIGLIA METTE IN GUARDIA TUTTI SULLA PERICOLOSITÀ’ DELLE ZECCHE

La piccola Kenley Ratliff di 2 anni, amava molto giocare all’aria aperta, ma un giorno le cose cambiarono, e il suo amore per i giochi all’aria aperta le è costato la vita.

Dopo aver trascorso la giornata fuori casa, la bimba, inizia ad aver la febbre, i genitori pensavano si trattasse di un semplice virus, ma decidono ugualmente di portarla al pronto soccorso.

Dopo essere stata visitata, i medici asserivano che si trattasse di streptococchi, le condizioni della piccola Kenley continuano però a peggiorare. La febbre non smette di salire, inizia ad avere diversi sfoghi su tutto il corpo, come delle macchie e le mani iniziano a gonfiare.

Questa volta, dopo una lunga valutazione, i medici sono giunti ad una nuova conclusione. La piccola è stata intubata e le hanno somministrato degli antibiotici.

Dopo una riflessione, i medici decidono di intubare la bimba e somministrarle antibiotici.


La diagnosi dei medici era Febbre maculosa delle Montagne Rocciose, ovvero un’influenza causata dalle zecche.

Purtroppo per la piccola Kenley, l’infezione era già arrivata al cervello, hanno attaccato la bimba ad una macchina per tenerla in vita.

Sfortunatamente non vi sono state migliorie, la famiglia ed i medici hanno deciso di spegnere il respiratore il 3 Giugno.

Poche cose al mondo sconvolgono quanto la morte di un bimbo, per questo, la famiglia Ratliff ha deciso di sfruttare la morte della loro bimba per far aumentare la consapevolezza sugli effetti letali legati alle zecche.

 

La famiglia Ratliff spera veramente che la loro esperienza serva a far in modo che nessun bambino muoia più a causa delle zecche, ecco perchè i medici consigliano di controllare sempre i propri bambini quando hanno giocato all’aria aperta.

Condividendo questo articolo, è possibile aumentare la consapevolezza sui pericoli legati alle zecche, in questo modo è possibile impedire che qualcun altro perda la vita a causa delle zecche. 




ALLONTANARE LE FORMICHE DEFINITIVAMENTE CON QUESTO SEMPLICE METODO!

Con l’arrivo della calda stagione, le cucine sono spesso infestate dalle formiche.

Nonostante siano insetti abbastanza innocui, riescono spesso ad intrufolarsi in tutti i cibi, anche in quelli sigillati.

 

 

Nonostante siano animali pacifici, sono molto fastidiose e poco igieniche, specialmente quando si presentano nelle zone dove si cucina. Per sbarazzarvi di loro senza utilizzare prodotti chimici e senza sterminarle, basta utilizzare un semplice ingrediente.

Quello che dovete acquistare, è del semplice talco, questo ingrediente è innocuo per bambini e per animali, in quanto non contiene alcun ingrediente chimico. Applicarlo nelle zone dove possono insinuarsi i piccoli insetti, come ad esempio fessure o battiscopa e le formiche diventeranno solo un ricordo.


Di seguito, vi proponiamo dei metodi alternativi a quello riportato di sopra:

-Limone: preparare una soluzione con acqua e limone. Il suo odore le terrà a distanza.

-Cannella: spargetela lungo i battiscopa e nelle piccole rientranze del muro. Anche le fessure più piccolo possono diventare la loro tana.

Vi suggeriamo anche di guardare questo video, dove potrete trovare dei rimedi da utilizzare per chi magari ha un piccolo orto in casa, rimedi totalmente ecologici e con ingredienti semplici da reperire.

 

Se questo articolo ti è stato utile, CONDIVIDILO!




COME SBARAZZARSI IN SOLE 48 ORE DEGLI SCARAFAGGI!

Con l’avvicinarsi della stagione estiva, e di conseguenza il caldo, gli scarafaggi tornano a far ‘visita’ nelle nostre case.

Oltre ad essere disgustosi, provengono dalle fogne, di conseguenza possono trasmettere all’uomo varie malattie.

Difatti, le zampe dello scarafaggio ‘ospitano’ vari microrganismi pericolosi che possono diffondere malattie come epatite, diarrea e varie infezioni all’intestino.

Inoltre, in caso di contatto con gli alimenti, i batteri che trasportano possono causare reazioni allergiche, questi infatti, sono resistenti al calore, e quindi un’eventuale cottura degli alimenti NON causerebbe la loro morte.

Il primo consiglio, è quello di tenere ogni cibo con adeguata protezione, evitando quindi di attrarre i scarafaggi sul cibo.

Vi proponiamo queste ricette totalmente fai-da-te e soprattutto economiche, in grado di eliminare molto rapidamente le blatte da casa vostra:

 

1. Bicarbonato di sodio & Zucchero

Mescolare in una tazza il bicarbonato di sodio e lo zucchero, spargere questo mix in piccole ‘dosi’ in casa.

Gli scarafaggi saranno attratti dallo zucchero, una volta mangiato il composto, il bicarbonato di sodio produrrà del gas, una volta ingerito l’insetto morirà.


2. Acido borico & cipolla

ATTENZIONE, SE AVETE ANIMALI DOMESTICI, E/O BAMBINI PICCOLI, VI SCONSIGLIAMO L’USO DI QUESTO COMPOSTO, SUGGERENDOVI IL PRECEDENTE.

Ingredienti:

100 grammi di acido borico (acquistabile in farmacia, ATTENZIONE PUO’ CAUSARE IRRITAZIONE ALLA PELLE)
1 cipolla tritata
1 cucchiaio di farina di frumento.

Applicazione:

Utilizzando dei guanti, mescolare gli ingredienti, una volta creata questa ‘poltiglia’, lavorarla fino a formare diverse palline;

Spargere le palline in giro per casa, specialmente in quei posti dove i scarafaggi possano annidarsi.

 

Se questo articolo ti è stato utile, CONDIVIDILO con gli amici!

Questo articolo ha uno scopo puramente informativo, non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali danni.